giovedì 22 gennaio 2015

Estate D'inverno

Lavanda
Vegan





Il primo esperimento con questo nuovo ingrediente..i fiori di lavanda!..non male direi!
Io ho usato la farina d'avena, che ho comprato qualche settimana fa perchè ero curiosa di capire cosa ne sarebbe venuto fuori..
Questa farina, un pò inusuale, ha dato all'impasto un'umidità fantastica..e una consistenza morbida, un pò appiccicosa oserei dire, ma piacevole!!


Ingredienti:

  • 60gr di farina d'avena
  • 70gr di zucchero di canna
  • 30gr di frumina
  • 120gr di mela grattuggiata
  • 50gr di latte d'avena o altro latte vegetale
  • 30gr di miele d'acacia
  • 30gr di olio di cereali e frutta o altro olio vegetale
  • mezza bustina di lievito
  • fiori di lavanda
  • ribes rosso
In una ciotola mescolate tutti gli ingredienti secchi e in un altra tutti quelli liquidi poi uniteli e mescolate bene..aggiungete il ribes rosso a piacere e mescolate piano per non rompere queste deliziose palline rosso fuoco!!
Versate nello stampo che preferite e infornate a 180 °C fino a doratura!
Le dosi sono ridotte e vi basteranno per uno stampo piccolo!
Se non volete usare la farina d'avena potete sostituirla con quella che preferite, usando una farina di frumento potrete omettere la frumina, che io ho usato per garantire una giusta levitazione dell'impasto data l'assenza, nella farina d'avena, di quelle proteine che formano il glutine!

Per la dose di fiori di lavanda vi consiglio di partire da mezzo cucchiaino..anche se poca sprigiona un aroma intenso..e una volta infornata sentirete che profumo!
E' un profumo di zucchero, di fiori, d'estate, e strano ma vero non a niente a che vedere col profumo che conosciamo della lavanda..provate e poi mi direte!

Il ribes invece con quel suo sapore acidulo rinfresca e pulisce il palato..una buona accoppiata!










  

giovedì 15 gennaio 2015

mousse di cioccolato fondente all'acqua



Eccola quiiii!!una grande scoperta questa mousse leggera al cioccolato fondente..niente panna niente uova, solo acqua e cioccolato, e se non ci credete provateci!!
E' semplice e velocissima da fare ma da il meglio di se dopo un buon riposo in frigo.
L'unica pecca è la consistenza un pò farinosa, ma il gusto è assolutamente meraviglioso!
E' possibile aromatizzarla con dei liquori o della pasta di frutta secca, come quella scura di mandorle o quella di pistacchi di Bronte!oltretutto è anche possibile fare queste paste in casa, visti i prezzi assurdamente alti dei negozi specializzati!
E con il mio nuovo frullatore sarà un gioco da ragazzi!
Finchè non faccio una prova potete lasciarvi ispirare dal post di Celeste Cucina.







Ingredienti:
Acqua qb
Cioccolato fondente 70% di cacao 100gr
Un cucchiaio di miele d'acacia!(facoltativo)
Due ciotole e del ghiaccio.

Per prima cosa mettete una ciotola a bagnomaria su dell'acqua fredda e ghiaccio!
Ora calcoliamo la quantità d'acqua che andremo ad usare..dovrete avere una percentuale del 34% di grassi del ciocclato rispetto all'acqua!!Quindi moltiplicate la percentuale di grassi del vostro cioccolato per 100 e poi dividete per 34..il risultato sarà il peso dell'acqua da utilizzare!
Per esempio la percentuale di grassi della mia barretta di cioccolato è di 45,9..quindi calcolando 45.9x100/34=135 che saranno i gr di acqua da aggiungere!!

Sciogliete il cioccolato fondente, versate l'acqua e emulsionate per bene, ora spostate tutto nella ciotola a bagnomaria e cominciate a montare con le fruste elettriche, ci vorrà un pò prima che si monti quindi non arrendetevi!!..comincerà a cambiare colore e a diventare più chiara..allora sarà pronta la vostra mousse. 
Fate attenzione a non montarla troppo altrimenti si formeranno dei grumi, come succede a volte con la panna montata! La reazione chimica infatti è la stessa!
Il precursore di questa mousse, è Hervé This un chimico e gastronomo molecolare francese!


Aromatizzatela se vi va..sostituendo un pò d'acqua con del liquore o aggiungendo degli altri aromi!
Fatela riposare un'oretta in frigo!
..e ora prendete un cucchiaio..e affondate!




lunedì 12 gennaio 2015

Tortine Fortunelle





 Sotto le feste tra l'abbondanza di ingredienti freschi di tutte le varietà che riempivano le ceste del fruttivendolo mi sono imbattuta nel kumquat, fortunella, o mandarino cinese, e anche nel frutto dell'alkekengi.. li ho comprati tutti e due, il primo per farci dei dolcetti deliziosi, il secondo solo per curiosità perchè ho sempre voluto assaggiarli!
Bè posso dire che non ne è valsa davvero la pena, il frutto dell'alkekengi ha un gusto davvero strano e poco dolce..sembra un pomodorino..diciamo che è molto più bello che buono, infatti poi cercando su internet qualche informazione, ho scoperto che è una solanacea, quindi fa parte della stessa famiglia dei pomodori, peperoni, patate ecc. contiene però molta vitamina C e ha proprietà diuretiche, depurative, antiuriche, antireumatiche, e antinfiammatorie..un portento insommma! La pianta è davvero bellissima con quegli involucri arancionissimi a forma di lanterninee..e infatti sono stata tentata più volte di comprarne una!
contengono molta vitamina C e hanno proprietà diuretiche, depurative, antiuriche, antireumatiche, antinfiammatorie.

Tratto da: http://www.alimentipedia.it/alkekengi.html
Copyright © Alimentipedia.it
contengono molta vitamina C e hanno proprietà diuretiche, depurative, antiuriche, antireumatiche, antinfiammatorie.

Tratto da: http://www.alimentipedia.it/alkekengi.html
Copyright © Alimentipedia.it
contengono molta vitamina C e hanno proprietà diuretiche, depurative, antiuriche, antireumatiche, antinfiammatorie.

Tratto da: http://www.alimentipedia.it/alkekengi.html
Copyright © Alimentipedia.it
Ma il gusto, come dicevo, mi ha un pò lasciata perplessa, le mie aspettative, evidentemente, erano troppo alte!
Magari li userò per una marmellata vista la loro abbondanza di pectina!!
 O per farci davvero delle lanternine..



Il mandarino cinese invece è paricolare, ha un sapore molto forte e si può mangiare così intero con la buccia..a morsi!!
Questo tipo di frutta è coltivata in Cina, Giappone, Europa (Corfù e Grecia) e nel sud degli Stati Uniti. In Italia, cresce e fruttifica dalla Liguria alla Sicilia lungo tutto il litorale tirrenico.
Frullandolo tutto intero ho creato una polpa che poi ho aggiunto all'impasto per aromatizzare!!



Mini Tortine Fortunelle





Ingredienti:
  • 83gr di farina integrale
  • 66gr di zucchero di canna grezzo integrale
  • 41gr di burro
  • 35gr di fortunelle frullate
  • 2.5gr di lievito per dolci
  • 1 uovo





Sciogliete il burro a bagnomaria, nel frattempo mescolate l'uovo con lo zucchero e le fortunelle senza montare.
Setacciate la farina con il lievito e incorporateli al composto, unite infine il burro intiepidito.
Distribuite negli stampi e infornate a 170°C fino a doratura!

Ho fatto dosi molto ridotte perchè era un esperimento ma devo dire che è riuscito!!
Per una torta di una dimensione normale, diciamo per una tortiera da 24cm di diametreo dovrete triplicare le dosi!!

Le ho decorate con un altro esperimento..la Mousse di Cioccolato Fondente all'Acqua che ho fatto ieri..di cui scriverò la ricetta prestissimooo!!





mercoledì 7 gennaio 2015

Anacardicake ai Frutti di Bosco

.Vegan.


Con la collaborazione di Piccole Delizie Vegan


Come si può chiamare?!..una vegan cheesecake?mmmh senza cheese..ma con gli anacardi!
ancora una volta una crema di anacardi e frutti di bosco..con una base goduriosa di datteri mandorle nocciole e semi di girasole!!





Per la base:
  • 1/2 tazza di mandorle
  • 1/2 tazza di nocciole
  • 1/2 tazza di semi di girasole
  • 5-6 datteri 
  • 1 cucchiaio di sciroppo d'acero
  • vaniglia 1/2 bacca
  • sale un pizzico

Tritate le mandorle le noci e i semi di girasole, poi unite nel mixer anche i datteri lo sciroppo d'acero la vaniglia e il sale, continuate a tritare finchè non si crea un impasto che stenderete sul fondo della tortiera!!!
A questo punto passiamo alla crema!


Per la crema:

  • 150gr di anacardi tenuti a bagno una notte
  • 2 cup latte di mandorla
  • 1tbsp + 1tsp maizena
  • 1tsp agar agar
  • 2/3 cup zucchero di canna
  • succo di un limone
  • 1/2 bacca di vaniglia
  • 8 oz frutti di bosco (circa 250gr, io ho usato quelli congelati e li ho fatti scongelare prima di utilizzarli)

In un mixer capiente tritate gli anacardi con un pò di latte fino a farli diventare una crema liscia!(ci vorrà qualche minuto). unite poi il resto del latte, la maizena lo zucchero, il succo di limone e la vaniglia.Spostate il composto in una pentola e usate lo stesso mixer per ridurre in purea i frutti di bosco, passate la purea al setaccio per togliere i semini e poi unitela al composto di anacardi, che diventerà così di un rosa intenso, vivo, fantastico!
A questo punto accendete il fuoco e aggiungete anche l'agar agar. Portate a bollore e versate subito sopra la base! lasciate raffreddare un pò a temperatura ambiente e poi passate in frigo fino a che non sarà del tutto solidificata!!

Ed eccola pronta..buonissima vegana che rispetta la natura e non lascia spazio a nessun tipo di senso di colpa!!e allora mangiate mangiate mangiate!!!



venerdì 2 gennaio 2015

Crostatine Fondente e Caramello





Con una base di pasta frolla integrale croccante e un ripieno cremosissimo queste crostatine non sono così dolci come si potrebbe pensare..provare per credere!!
Con queste comincia lo sfruttamento del mio nuovo libro di Maurizio Santin "Pasticceria" Le mie ricette di base..si perchè questo natale è stato all'insegna dei libri, passando il mio tempo a saltare da una libreria all'altra e comprando libri a tutti, e anche a me stessa!! :P






Pasta frolla integrale:
di Maurizio Santin

  • 250 gr farina integrale
  • 125gr di burro
  • 70gr di zucchero a velo
  • 1/2 uovo
  • aroma a piacere ( io ho usato la vaniglia)
Ho fatto la metà delle dosi del libro quindi be mezzo uovo è un pò difficile da calcolare..così ho sbattuto con la forchetta un uovo e poi ne ho aggiunto la metà!

Io ho usato un robot da cucina ho fatto amalgamare prima il burro con lo zucchero l'uovo e la vaniglia e poi ho aggiunto la farina.
Se impastate a mano il procedimento è lo stesso..io mi son sempre trovata bene con la tecnica di Montersino qui  http://www.alice.tv/video/pasta-frolla-fine/ ..spiega tutto perfettamente e la frolla risulta bella friabile e non dura come un mattone, ed è una vera tortura avere una fetta di torta e dover sudare sette camice e rompere dieci piatti per mangiarne un pezzetto!
 Fatto questo, mentre l'impasto riposa in frigo prepariamo le creme!




Per il cremoso al caramello:
di Maurizio Santin

150gr di panna fresca
150gr di latte intero
40gr di zucchero
30gr di tuorli
2gr di agar agar

Scaldate la panna e il latte senza portare a bollore e nel frattempo fate caramellare lo zucchero senza mai mescolare, quando è di un colore ambrato versateci piano e facendo attenzione la panna e mescolate bene.
A questo punto versate tutto sopra i tuorli e mescolate con una frusta, rimettete sul fuoco e aggiungete l'agar agar, fate bollire e poi trasferite in un contenitore.
Coprite con la pellicola a contatto con la crema fino a raffreddamento.


Per la ganache al cioccolato fondente:

100gr cioccolato fondente
100gr panna fresca

Fate sciogliere il cioccolato nella panna, emulsionate e lasciate raffreddare!

Mentre il tutto raffredda cuociamo i nostri piccoli gusci di pasta..
Stendete la pasta e mettetela negli stampi poi coprite con dei pezzi di carta stagnola e riempiteli di fagioli secchi o riso(questo farà si che la pasta non si afflosci e non perda la forma) mi è già successo anche di ritrovarmi con una terrina di crema e niente da riempire!!
Perciò ora tengo sempre un sacchetto di fagioli secchi che uso solo come falso ripieno.
Infornate a 180°C per 10min e poi togliete la stagnola con i fagioli e proseguite la cottura finche i bordi non sono dorati!!

Una volta freddi riempiteli per metà con la ganache e lasciatela solidificare bene in frigo.
Finiteli con la crema al caramello e..affondateci i denti..qui qualcuno ci sta già pensando...




Grano Saraceno e Mirtilli

Vegan CupCake
Gluten free 




Una ricettina senza glutine ispirata alla torta di grano saraceno del Trentino ma vegan!!!
Dei cupcake ripieni di marmellata di frutti di bosco con un top delizioso ai mirtilli..un pò strano si, perchè chi mai si aspettava di creare una crema con della frutta secca?!
Purtroppo è una ricetta trovata su internet che ha unità di misura inglesi, cup, tbs, tbsp, e mi ero imposta di pesare ogni ingrediente prima di utilizzarlo ma poi mi son lasciata prendere dal tutto e ho scordato di pesarne alcuni, perciòòòò...dovrete comprare un set di misurazione inglese, non costano molto e di solito si trovano nei negozi di casalinghi nel reparto pasticceria!!





  
Per 20 cupcake:
Impasto:
  • 300gr di farina di grano saraceno
  • 200gr di zucchero di canna
  • 450gr di latte di mandorla
  • 50gr olio di semi
  • 150gr di mandorle tritate
  • 1 bustina di lievito
  • la buccia di un limone
Mescolate tutti gli ingredienti secchi e la buccia del limone in una terrina, poi unite tutti gli ingredienti umidi e mescolate energicamente!
Distribuite sugli stampi e infornate a 180°C per circa 20 min..ma controllate sempre la cottura e fate la prova stecchino!!






Per la crema di mirtilli:

  • 150gr anacardi lasciati a bagno una notte!
  • 2cup latte vegetale a scelta
  • 1tbsp+1tsp maizena
  • 1tsp agar agar
  • 2/3 cup zucchero
  • mezza bacca di vaniglia
  • 3 tbsp succo di limone
  • 200gr di mirtilli neri
Armatevi di un frullatore abbastanza capiente..
Scolate gli anacardi e frullateli con un pò di latte fino ad ottenere una crema abbastanza liscia..dovrete frullarli per un pò, quindi fate delle pause per non surriscaldare il frullatore!
Unite quindi tutti gli altri ingredienti tranne i mirtilli.
Spostate la crema ottenuta in un tegame e frullate anche i mirtilli..setacciate la purea se volete una crema più liscia!
Quindi aggiungete la purea di mirtilli al composto di anacardi e accendete il fuoco, portate a bollore il tutto, la crema si addenserà un pò subito per azione della maizena e poi una volta raffreddata si addenserà ancora per via dell'agar agar!

L'Agar-agar è una sostanza gelificante naturale che deriva dalle pareti cellulari delle alghe rosse, della famiglia gelidiacees, come Gelidium e gracialaria.
È stato a lungo utilizzato in diverse tradizioni asiatiche culinarie ed è quello che in giappone viene chiamato Kanten.
E' un buon sostituto della colla di pesce..quindi perfetta per le preparazioni vegane!
In più l’agar-agar è ricco di vitamine, iodio ed oligominerali, e ha anche proprietà digestive e protettrici della mucosa gastrica ed intestinale.Perfetto!!!

Per il ripieno:
 La vostra marmellata preferita di frutti di bosco!