domenica 24 maggio 2015

Marmellata di Fragole

.tutta salute.

Fragole fragole fragole..dolcissime succose, ne ho mangiate a palate quest'anno e torno a scrivere sul blog con questa ricettina esperimento (riuscito) facile facile!!
E super salutare perchè senza zuccheri!
Una marmellata senza zucchero, direte voi, e dove si è mai vista?
Bè ho usato del malto di riso e una piccola quantità di miele.
In più per addensarla più in fretta e diminuire i tempi di cottura ho aggiunto dell'agar agar in polvere e del kuzu!
L'agar agar ormai la conoscete, è ricavata da un alga, ha potere gelificante e si trova in polvere o in fiocchi!
Il kuzu invece è ricavato dalla radice di una vite (pueraria lobata, pueraria irsuta) che cresce sulle montagne del Giappone e riesce a crescere anche tra le rocce!! Un portento!!
Dalle sue radici si estrae quest'amido che oltre ad essere un addensante per creme, vellutate, salse e in questo caso marmellate, è anche un rimedio molto efficace per vari disturbi intestinali!





 Ingredienti:

1kg di fragole meglio se ben mature 
4 cucchiai di malto di riso
1 cucchiaio di miele a piacere
1 cucchiaino di agar agar in polvere
1 cucchiaino di kuzu 

Lavate e tagliate le fragole, mettetele sulla pentola e accendete il fuoco, aggiungete il malto e il miele, a questo punto lasciate cuocere per 40 minuti circa, vedrete che rilasceranno un sacco di acqua che evaporerà con la cottura.
Su un bicchiere mettete poca acqua tiepida e scioglieteci il kuzu insieme all'agar agar versate tutto sulla marmellata e fate bollire per altri tre minuti.
Togliete dal fuoco frullate il tutto con un frullatore ad ammersione e invasate!

La sterilizzazione dei vasetti!
Io ho sterilizzato i vasi col metodo descritto da Claudia sul suo sito Granosalis.QUI
e mi sono trovata benissimo..semplice e veloce! 

Fate attenzione perchè i vasetti appena riempiti sono molto più fragili e si rompono facilmente se sbattono uno contro l'altro, in più maneggiateli con uno straccio per non scottarvi!
Dopo aver chiuso bene con forza i tappi rovesciate a testa in giù i vasetti su una coperta e copriteli con la stessa, manterrà il calore e farà si che il tutto si sterilizzi al meglio e che si crei il sottovuoto.
Passata qualche ora controllate i vostri vasetti e rimetteteli diritti, l'agar agar infatti gelatinizza man mano che il composto si raffretta e se li farete raffreddare a testa in giù la marmellata rimarrà attaccata al coperchio!
Che poi è quello che è successo a me..cmq era buona lo stesso!
Con queste dosi son venuti due vasetti medi (250cc) e uno piccolo (150cc)..e sono pure già finiti!!